STUDIO LAFFRANCHI DI RADIOLOGIA E TERAPIA FISICA
Studio Medico polispecialistico presente in Como dal 1961

L'artrite reumatoide (AR) e gli effetti analgesici del campo elettromagnetico a bassa frequenza sulle articolazioni della mano

S. Milutinovic, S. Brankovic, Univerzitet u Beogradu, Medicinski fakultet, Institut za reumatologiju

Lo studio stato eseguito su 60 pazienti divisi in due gruppi uguali. Il primo gruppo ha utilizzato il campo magnetico pulsato a bassa frequenza (CMPBF) (5 mT, 15 Hz , 30 min) e la chinesiterapia su entrambe le mani, mentre l'altro gruppo ha utilizzato solo la chinesiterapia. Durante le prove, il farmaco non cambiato, entrambi i gruppi hanno ricevuto gli stessi farmaci e le stesse dosi. Non stata adottata ness'un altra procedura fisioterapeutica. Il dolore radio carpale (RC), metacarpo-falangeo (MCF) e prossimo interfalangeo (PIF) delle articolazioni stata valutato utilizzando una scala analogica visiva (SAV) all'inizio e al decimo giorno di trattamento. I gruppi erano omogenei per quanto riguarda le caratteristiche demografiche e le classi anatomiche e funzionali di Steinbrocker. I risultati sono stati analizzati con il test di Wilcoxon . Nel primo gruppo stata osservata una riduzione significativa del dolore ( p < 0,001) nel RC da 62,3 mm a 37,0 mm (-40,6 %), MCF 64,4-34,4 mm (-46,6 %) e per quanto riguarda le articolazioni PIF da 67,1 mm a 40,5 mm (-39,6 %). Nel secondo gruppo la riduzione del dolore non era statisticamente significativa: nel RC - da 67,6 mm a 59,5 mm (-11,9 %) e nel MCF - da 66,5 mm a 60,4 mm (-9,2%), mentre una significativa riduzione del dolore articolare stata riscontrata nell'articolazione PIF, con un intervallo da 63,9 mm a 56,0 mm (-12,4 %) (p < 0,05).

Conclusione: I risultati dello studio indicano l'importanza del CMPBF nel ridurre il dolore al polso in pazienti con artrite reumatoide.